News

Calendario   logo scarica pdf

Candidature alla presidenza dell’Unione delle Camere Penali Italiane per il biennio 2018-2020. 

Lettera di presentazione avv. Borzone  logo scarica pdf

Lettera di presentazione avv. Caiazza  logo scarica pdf

D. Lgs. 29.12.2017 n. 216: Disposizioni in materia di intercettazioni di conversazioni o comunicazioni, in attuazione della delega di cui all'articolo 1, commi 82, 83 e 84, lettere a), b), c), d) ed e), della legge 23 giugno 2017, n. 103. (18G00002) (GU Serie Generale n.8 del 11-01-2018)

Entrata in vigore del provvedimento: 26/01/2018 

Applicabilità degli artt. 2, 3 4, 5 e 7 dopo il centottantesimo giorno  successivo  alla data di entrata in vigore - Applicabilità dell'art. 2,  c.  1,  lett.  b) dopo dodici  mesi  dalla  data  di  entrata  in vigore.

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/gu/2018/01/11/8/sg/html

Il delitto di tortura recentemente introdotto in Italia non è conforme alle disposizioni della Convenzione delle Nazioni Unite.

Lo afferma il Comitato ONU contro la tortura che il 6 dicembre u.s. ha presentato a Ginevra le conclusioni e raccomandazioni sul rispetto della Convenzione; invito anche a rivedere il regime speciale di detenzione previsto dall’art. 41 bis O.P., e diminuire il sovraffollamento.

Contro l’inefficienza dei Tribunale di Sorveglianza, il trattamento disumano e degradante dei detenuti, il sovraffollamento delle carceri e l’uso eccessivo della custodia cautelare, UCPI ha organizzato per lunedì 11 dicembre p.v. una manifestazione nazionale di protesta.

Il Coordinamento delle Camere penali del distretto della Corte d'Appello di Milano, aderendo alla sollecitazione dell'Unione, ha organizzato una conferenza stampa che si terrà lunedì 11 p.v. presso la sala stampa del Tribunale di Milano. La partecipazione è libera.

L'11.12.17 la Commissione Bilancio della Camera ha dichiarato l’inammissibilità dell’emendamento n. 4768/II/1, presentato dall’On. Verini e altri alla Legge di Bilancio dello Stato per l’anno finanziario 2018, con il quale si voleva modificare l’art. 9 della Legge di Ordinamento forense, introducendo nel testo normativo, per la materia penale, quattro settori di specializzazione e precisamente “diritto penale minorile, diritto penale dell’ambiente, diritto penale dell’impresa e diritto dell’esecuzione penale”.

La modifica legislativa proposta avrebbe stravolto, e di fatto pregiudicato e compromesso, la specializzazione penale così come prevista dal Regolamento ministeriale dell’agosto 2015, nel quale, correttamente, era stato stabilito che per la materia penale vi fosse un ambito unitario di specializzazione perché inscindibilmente collegato al rito.

 

Con la sentenza n. 5575/17 del 28.11.17, il Consiglio di Stato respingendo i ricorsi degli Ordini e delle Associazioni da sempre contrarie alla specializzazione forense, ne ha ribadito non solo la legittimità e l’importanza ai fini della qualificazione professionale dell’avvocato, ma anche la sua corretta attuazione rispetto a quanto previsto dalla legge professionale con il riconoscimento del ruolo fondamentale svolto dalle Associazioni specialistiche.

Il C.d.S., respingendo l’appello del Ministero avverso le sentenze del TAR Lazio del 14 aprile 2016, ha confermato la bocciatura dell’elenco dei settori di specializzazione (che il Governo dovrà quindi rivedere) e del colloquio presso il CNF previsto per il riconoscimento del titolo di specialista per maturata esperienza professionale ed ha annullato la fattispecie di illecito disciplinare prevista dall’art. 2 comma 3 del DM per l’avvocato che spende il titolo di specialista senza averlo conseguito in quanto la violazione è già prevista dagli articoli 35 e 36 del Codice Deontologico.

Resta definitivamente confermata anche la norma transitoria prevista dall’art. 14 del Regolamento ministeriale che riconosce ai fini del conseguimento della qualifica di specialista i corsi biennali di alta formazione organizzati dalle Associazioni specialistiche, come l’UCPI, negli scorsi anni.

Sentenza Consiglio di Stato  logo scarica pdf  Comunicato UCPI    logo scarica pdf  Comunicato Associazioni maggiormente rappresentative   logo scarica pdf

 

E' entrato in vigore il DECRETO 14 settembre 2017 (GU Serie Generale n.228 del 29-09-2017)  in tema di Notificazioni telematiche ai difensori nel processo penale di legittimità  presso la Corte Suprema di Cassazione, ai sensi dell'articolo 16, comma 10, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, nella legge 17 dicembre 2012, n. 221.

- Corso difese d'ufficio: la lezione del 26.03.2018 è stata rinviata al 28.03.2018 ore 14.30 sempre presso Sala Fondazione

- Evento "Approfondimenti sulla L. 103/17: l'incontro del 23.02.18 è stato posticipato al 05.03.18 ore 14,30 presso l'Ist. Sc. Leone Dehon

- a far data dal 01.01.2018 gli uffici della Procura della Repubblica di Monza seguiranno gli orari di apertura di cui all'allegata comunicazione  logo scarica pdf

- a seguito delle modifiche introdotte dalla riforma Orlando, il VPO di udienza non potrebbe patteggiare ex art 444 c.p.p. i reati con pena edittale superiore nel massimo a 4 anni. Al momento attuale, e fatte salve diverse determinazioni che sono in fase di valutazione, l’orientamento della Procura è quello di consentire ai VPO di concordare il patteggiamento con il difensore il quale dovrà recarsi dal Togato per la vidimazione

- concordato in appello: secondo i criteri illlustrati dalla Procura Generale, nel corso di un recente incontro, l’abbattimento della pena non sarebbe possibile oltre 1/3 (fatti salvi casi particolari quali ad esempio l’aumento per la continuazione) e si terrà conto di eventuali condotte riparatorie intervenute dopo la sentenza di primo grado. Al momento trattasi di indicazioni del tutto generiche su cui l’avvocatura ha fornito le proprie osservazioni

- la cancelleria del dibattimento, nei casi in cui vi sia grande affluenza allo sportello, non consentirà la visione dei fascicoli con udienza (anche di rinvio) fissata a più di tre mesi; ciò al solo fine di evitare a tutti lunghi tempi di attesa. Verranno esaminate di volta in volta specifiche esigenze

 

La Camera ha approvato il progetto di legge di modifica al codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione (decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159) con 259 sì e 107 no.

Il testo definitivamente approvato logo scarica pdf

 

In vigore dal 29 agosto 2017 la Legge 4 agosto 2017 n. 124 di riforma forense, con le novità in materia di soci di capitale e obbligo di preventivo

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/08/14/17G00140/sg

 

Pagina 1 di 2

Copyright 2017 Camera Penale di Monza P.IVA 06263200963 - Powered by Global IT

Top

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie. Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information